home.html

indietro

la Mappa di Comunità dell’Ecomuseo delle Orobie

Che cos’è una Mappa di Comunità?


Nate in Inghilterra come Parish Maps, le Mappe di Comunità sono uno strumento attraverso il quale un gruppo di persone legate ad un preciso territorio si interroga sul proprio passato, la propria storia e tradizioni, e definisce la specifica identità in cui si riconosce, coi suoi valori e ricchezze patrimoniali.

La Mappa di Comunità, così come è stata definita, è quindi un percorso collettivo che comporta coinvolgimento, ricerca ed impegno, uno strumento creativo che con vivacità e spontaneità è in grado di rinsaldare e ricostruire il legame fondamentale tra le persone ed i luoghi.

Si tratta di uno strumento semplice e diretto, accessibile a tutti, in grado di dare evidenza alle molteplici relazioni che legano indissolubilmente tra di loro due grandi categorie: il patrimonio e la comunità locale. Consente, infatti, alla popolazione ed agli enti locali di riflettere insieme sulla qualità dei luoghi, sulle potenzialità da loro custodite e sui significati a loro attribuiti, attraverso un percorso costruito dagli animatori dell’Ecomuseo. La Mappa di Comunità rappresenta, perciò, un utile strumento verso una progettazione condivisa e consapevole, poiché promuove un atteggiamento attivo e responsabile nei confronti del proprio territorio.



La nostra Mappa di Comunità


La Mappa di Comunità dell’Ecomuseo delle Orobie è una mappa per osservare ed ascoltare, per raccontare ed amare il territorio ed il tempo, la comunità ed i saperi ecomuseali. Antica è la storia di questi luoghi, scritta nelle mani e nei cuori che vi abitano. Luoghi che raccontano la fatica e la gioia, il tempo del lavoro e dei giorni di festa, ma anche la sapienza forte della natura, delle stagioni e dei saperi tradizionali.

E’ questa una Mappa quindi per (ri)scoprire le radici di una comunità capace di una relazione così completa con le risorse della propria terra, di un adattamento così sapiente ed esperto: quando tutto ciò che si aveva lo si otteneva dalla terra, come contadini e malgari, dalla miniera, come minatori, dalla pietra, come calcheröcc, dal bosco, come taglialegna, dalla fede, come pellegrini, dalla montagna tutta, come alpinisti ed escursionisti.